“Giovanni Falcone mi parlò di menti raffinatissime”

Alfredo Morvillo rivela retroscena sull'attentato all'Addaura

128
Giovanni Falcone

Giovanni Falcone mi parlò di menti raffinatissime, attentato organizzato da qualche uomo delle istituzioni che ha tradito.

Nessuno poteva sapere che sarebbe andato a fare il bagno sugli scogli. Qualcuno ha tradito Giovanni, condivideva un segreto con Carla Del Ponte” commenta così Alfredo Morvillo sull’attentato all’Addaura.

I due magistrati, Giovanni falcone e Carla Del Ponte dovevano essere uccisi in seguito a segreti che solo loro due condividevano. Segreti che facevano paura alle entità esterne che si intravedono dietro la strage del 23 maggio 1992.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here