Coronavirus, record minimo di contagi nelle ultime 24 ore

510

La protezione civile informa che l’indice di contagiosità è sceso allo 0,8. È aumentato di poche centinaia (355). I guariti sono oltre 2500, le persone ricoverata 1231 meno di ieri. Solo il numero delle vittime resta alto: 575.

In diretta da Roma– il drammatico dato delle vittime non si può trascurare perché misura la gravità della pandemia, si tratta dell’unico dato negativo riportato dalla protezione civile che per il resto ha dato dati incoraggianti. 

Locatelli:” Stop diffusione contagio centro-sud è un dato di fatto”

Un altro elemento rassicurante riguarda il Sud, riporta Locatelli, vi è uno stop nel contagio: “Essere riusciti a impedire la diffusione del contagio nel Centro e Sud è un grande traguardo, 13 regioni e province hanno un numero di decessi inferiore a due cifre, addirittura due regioni senza casi fatali”.

L ‘R con zero’ è già sotto il valore di 1, ora attorno allo 0,8 spiega il presidente del Css, sottolineando che l’indice di contagiosità oscilla tra lo 0.83 e lo 0.78.

La conferenza stampa si terrà due volte a settimana

Borrelli afferma che la conferenza stampa, quotidiana ormai dal 22 febbraio, non si terrà più:” I dati sanitari indicano una situazione più leggera sulle strutture ospedaliere e ciò rende consapevoli del grande lavoro svolto negli ospedali e della collaborazione di tutti i cittadini”. 

Ogni giorno i dati saranno trasparenti sul sito, ma la conferenza due volte a settimana.

I dati ufficiali del bollettino

Nelle ultime ventiquattr’ore sono morte 575 persone (ieri le vittime erano state 525), arrivando a un totale di decessi 22.745.

Il bollettino diffuso oggi riporta un calo delle persone ricoverate e l’aumento dei casi in isolamento a casa, indice che ci sono meno casi gravi tra le persone attualmente positive.  In terapia intensiva si trovano oggi 2.812 persone, 124 meno di ieri. Sono ancora ricoverate con sintomi 25.786 persone, 1.107 meno di ieri.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here