Come ci si comporterà in spiaggia?

14
spiaggia

Una cosa è certa: le vacanze quest’anno saranno diverse da quelle degli anni passati. Ma se prima anche la possibilità di poter vedere il mare non era molto concreta, già da qualche settimana la spiaggia e il mare sono le mete preferite.

Le vacanze, dunque, sono salve. Ma anche qui ci saranno delle regola da rispettare. Le vacanze al mare al tempo del Covid 19 difatti prevedono alcune linee guida, le quali contribuiranno ad evitare un aumento dei contagi.

Le regola da rispettare per andare in spiaggia

Il ‘Rapporto sulle attività di balneazione in relazione alla diffusione del virus Sars-CoV-2′ è stato realizzato dal Gruppo di lavoro Ambiente-Rifiuti Covid-19 dell’Istituto Superiore di Sanità in collaborazione con il Ministero della Salute, l’Inail, il Coordinamento di Prevenzione della Conferenza Stato Regioni, esperti delle Arpa e altre istituzioni.

L’obiettivo di questo rapporto è definire le regole da rispettare in spiaggia. Tra le più importanti: la prenotazioni online per l’accesso agli stabilimenti, il distanziamento sotto gli ombrelloni e anche in acqua, il divieto di giochi e assembramenti nel bagnasciuga e la misurazione della temperatura per chi lavora nei lidi.

Compiti dei gestori

Oltre alle poche regole elencate, i gestori degli stabilimenti balneari dovranno chiedere ad ogni ospite i dati anagrafici, in modo da essere ricontattati in caso di contagi. L’accesso sarà regolato per fasce orarie, in modo da mantenere un certo numero di persone nella spiaggia tale da non creare assembramenti. Obbligatorio poi affiggere locandine e cartelli con le regola da rispettare.

I gestori dovranno poi realizzare dei percorsi obbligati, vigilando che le persone mantengano la distanza di almeno un metro. Non è obbligatorio ma fortemente consigliato invece la misura della temperatura corporea. Sempre i gestori dovranno poi garantire la pulizia di lettini, sedie sdraio e ombrelloni.

Divertimento dimezzato

Feste, balli, animazione e concerti? Assolutamente no. Troppo difficile mantenere la distanza, quindi per quest’anno il divertimento sarà altamente ridotto. Rimane comunque possibile fare il bagno.

Spiagge libere

Per le spiagge libere la situazione è più difficile, poiché non sono previsti controlli. Saranno i sindaci a decidere il da farsi, con un controllo per limitare gli accessi e mantenere il distanziamento. Sempre i Comuni dovrebbero poi pensare alla pulizia.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here