Assistenti civici volontari: chi sono e cosa faranno

36

Chi sono gli Assistenti Civici?

Con la fase 2 dell’emergenza Coronavirus arriva una nuova figura professionale: l’assistente civico. Si tratta di volontari, che offriranno ai comuni e agli enti locali la possibilità di potenziare i controlli nelle strade, nelle spiagge e nei luoghi famosi per la Movida. Potranno anche essere utilizzati per dare servizio e assistenza alle categorie più fragili, anziani e bambini.

In che modo saranno reclutati?

A giorni sarà pubblicato il bando ufficiale  per 60 mila assistenti civici. Il reclutamento dei volontari sarà gestito dalla Protezione Civile che darà alle Regioni le disponibilità su tutto il territorio nazionale. L’accordo per il bando è stato raggiunto tra il ministro per il Affari regionali Francesco Boccia e il presidente dell’Anci Antonio Decaro, sindaco di Bari. “è il momento di reclutare tutti quei cittadini che hanno voglia di dare una mano al Paese, dando dimostrazione di grande senso civico” spiega Boccia.

Di cosa si occuperanno?

volontari verranno impiegati dai sindaci per le attività sociali e per collaborare al rispetto del distanziamento sociale: potremmo trovarli al mare a regolare l’accesso alle spiagge libere o nei parchi e nei marcati per monitorare gli accessi. Daranno sostegno anche alla parte più debole della popolazione consegnando la spesa e beni di prima necessità. Dunque, i Comuni potranno avvalersi dell’aiuto degli assistenti civici per far rispettare tutte le misure messe in atto per contrastare e contenere il diffondersi del virus.

Chi può fare domanda?

Il bando è rivolto a inoccupati, disoccupati, percettori di reddito d’emergenza e cittadinanza o chi usufruisce degli ammortizzatori sociali. Alla selezione possono partecipare tutti i cittadini maggiorenni e residenti in Italia. Non è richiesto alcun titolo di studio specifico.

Quanto percepiranno?

Gli assistenti civici non riceveranno alcun compenso. I volontari daranno il loro supporto a titolo gratuito per un massimo di tre giorni a settimana e per non più di 16 ore a settimana. Saranno coperti dall’INAIL in caso di infortuni e avranno una polizza assicurativa di responsabilità civile verso terzi in caso di eventi necessari.

Come li riconosceremo?

I volontari indosseranno una casacca o un fratino con dietro la scritta “Assistente Civico” e davanti il logo della Protezione Civile Nazionale, dell’Anci e del Comune in cui presteranno servizio.

Fino a quando saranno in servizio?

I volontari resteranno in Servizio fino al termine delle stato di emergenza dichiarato dal Consiglio del Ministri. Il termine, ad eccezione di proroghe, è fissato al 31 luglio.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here